LE RODARI PER IL RODARI

Finalmente il grande giorno è arrivato!

Il grande protagonista, nato cento anni fa proprio il 23 ottobre, rivive nella scuola che porta il suo nome attraverso poesie, canzoni, ricordi, pensieri, disegni, pannelli e perfino un annullo postale. Alunni ed insegnanti nei giorni precedenti sono stati indaffarati a scegliere una poesia da illustrare, per ogni classe ne è stata scelta una per trasformarla in una cartolina: una cartolina “vera” con lo spazio per il francobollo e le righe per l’indirizzo da conservare o da spedire.
Poste italiane ha realizzato un francobollo celebrativo ed il maestro Michele ha disegnato un logo che è diventato l’annullo esclusivo della scuola e così, dalle 9:00 in poi, tutti in fila, distanziati e con mascherina, per andare farsi timbrare le cartoline presso un “ufficio postale” allestito proprio a scuola.
Di questo dobbiamo ringraziare Patrizia Daidone, che si è attivata a fare realizzare il timbro ed approntare lo sportello.
Abbiamo avuto la possibilità di conoscere la prof.ssa Susanna Barsotti che si è collegata da Roma per parlare ai ragazzi di Gianni Rodari: abbiamo avuto difficoltà con le connessioni ma alla fine ci siamo riusciti; le classi del secondo ciclo, invece, avranno la possibilità di ricollegarsi un’altra volta: ci organizzeremo e la ringraziamo.
Nel frattempo a scuola sono arrivati gli invitati (grazie a tutti!) alla festa vera e propria: l’assessore Giuliano Vettorato e la dirigente Patrizia Caleffi che hanno portato i saluti del Sovrintendente Vincenzo Gullotta e del
nostro Sindaco Renzo Caramaschi, i rappresentanti dei genitori del Consiglio di Istituto ed alcuni rappresentanti di classe, una rappresentante del comitato di quartiere e la signora Mila Delli Pizzi dell’ufficio biblioteche.
In onore a Gianni Rodari, i ragazzi della 2C hanno cantato “L’omino della gru” e “Viaggiare viaggiare” accompagnati alla tastiera dalla maestra Anna; Azzurra e Noemi della 4B hanno recitato “Il cielo è di tutti”, mentre Manuel e Valeria della 4C “Una scuola grande come il mondo”, e tutti sono stati bravissimi! Complimenti! E poi gli interventi della nostra Dirigente Susanna Addario, dei due assessori e del maestro Marco che hanno parlato del festeggiato, ricordandolo ed esaltandone la figura. Nonostante le m
ascherine, il distanziamento, gli inviti limitati a poche persone, la misurazione della temperatura, la corsa contro il tempo, la manifestazione è riuscita e anche bene.
Da ultimo e non per ultimo, un ringraziamento speciale al professor Giuliano Gobbetti, “deus ex machina” (col turbo) per quello che siamo riusciti a fare!